Incompetenti e incapaci

Pubblicato il 27 giugno 2019, da Politica Italiana

Lo sbruffoncello è il Capitano che fa il Ministro degli Interni, non la capitana della Sea Watch. Perché la realtà è sempre più complessa del mondo virtuale.

Ci sono le ragioni della legalità, certamente. Ma la complessità è data dal fatto che poi nella vita reale può succedere che accada un conflitto tra le norme di legge e le norme superiori che tutelano la dignità umana. Il conflitto è sempre esistito. Ce lo hanno insegnato ad esempio Gandhi, gli obiettori di coscienza, gli operai che occupano una fabbrica depredata dall’avidità di un manager, ecc.

La politica sarebbe lì per questo. Gestire il conflitto, trovare le soluzioni. Ci sono naturalmente le ragioni: le leggi esistenti, la mancata solidarietà europea (ma questi non sono sovranisti? Ognuno è sovranista a casa sua quando fa comodo…). Resta il fatto: una quarantina di persone non possono restare lì all’infinito.

Naturalmente il problema in sé non esisterebbe. Nel mentre Salvini fa i suoi esercizi muscolari su una nave di disperati ci informa il Sindaco di Lampedusa che con i barchini nella sola Lampedusa ne sono sbarcati molti di più. Gestire la complessità, tema ignoto al capitano Salvini e naturalmente a quell’ignavo di Di Maio, terrorizzato dall’idea di perdere il posto.

E così assistiamo al profluvio di parole di personaggi politici incompetenti. Il Ministro degli Interni dalle nobili parole. Sottoscrivo ciò che scrive Gad Lerner “«Non sbarca nessuno, mi sono rotto le palle. Lo sappia quella sbruffoncella». Esibendo l’ennesimo riferimento genitale viriloide in sfregio alla Capitana della Sea-Watch 3, Carola Rackete, lei sì disposta a rischiare per davvero, una giovane donna che lo ridimensiona a Capitano piccolo piccolo. Sbruffoncella? Non abbiamo piuttosto a che fare con un ministro sbruffone da osteria?”. “Parlo a nome di 60 milioni di italiani”. Vacci piano. Tra i 60 milioni ci sarebbe ad esempio il Vescovo Nosiglia, che insulta, magari il Capo dello Stato e giù giù fino a me e ai 50 e passa milioni di italiani che non lo hanno votato. Poi siccome è stato a prendere ordini da Trump prevede la costruzione di un muro con la Slovenia, niente di meno.

Poi ci sarebbe la nipotina del duce Giorgia Meloni (quella che sulla legalità era sodale con il Sindaco Alemanno e i disastri di mafia capitale). Che sempre per la legalità vorrebbe affondare la Sea Watch, Non sequestrarla, secondo le leggi, qualora possibile. Vuoi mettere qualche siluro o qualche colpo di cannone…

Incompetenti, incapaci. Intanto la realtà entra nelle nostre case con l’immagine di un papà ed un bambino annegati per tentare di entrare negli Stati Uniti. Ci commuoviamo davvero o per finta?

P.S. siccome poi non dobbiamo farci mancare nulla il PD si divide. Orfini ritiene invotabile un ordine del giorno predisposto dal gruppo sulla questione immigrati. Orfini, il genio politico che ha guidato la defenestrazione di Marino a Roma e che solo per questo avrebbe meritato l’esclusione a vita  da qualsiasi incarico politico.

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • RSS
  • Google Plus
  • Pinterest
  • Add to favorites
  • Print
  • Email

Scrivi un commento

Dove uomini o partiti non hanno idee o per idee si spacciano affocamenti di piccole passioni, urti di piccolo interessi, barbagli di piccoli vantaggi, dove si baratta per genio l’abilità e per abilità qualcosa di peggio — Giosuè Carducci




 Flickr Photos