Cari dirigenti PD, chi non lavora non mangia

Pubblicato il 9 ottobre 2019, da Dai giornali,Veneto e Nordest

Corriere della Sera, 9 ottobre 2019

La severissima analisi sul Partito Democratico Veneto che Gigi Copiello CdV irrilevanza PD Veneto ha svolto su queste colonne avrebbe meritato una risposta da parte dei dirigenti PD. La mancata risposta rischia di certificare la fondatezza dell’analisi. Secondo Copiello il PD in Veneto semplicemente non esiste. Una provocazione quella di Copiello, naturalmente: esiste un elettorato, esistono i lacerti di una struttura organizzativa ricevuta in eredità dai partiti precedenti, ma sembra non esistere ciò che fa di un partito un organismo utile e vitale: un pensiero capace di interpretare la realtà ed una proposta programmatica adeguata, tradotta in parole capaci di suscitare interesse e speranza.

Eppure un campo da coltivare ci sarebbe. Romano Prodi ha riempito nei giorni scorsi il Palazzo della Ragione di Padova. Presentava un libro pur importante sulla storia dell’Ulivo scritto da Andrea Colasio. Non proprio una cosa da muovere le folle. Qualcosa di più di una nostalgia ha portato un migliaio di cittadini (anche giovani e giovanissimi) ad incontrare un signore che è uscito dalla politica da dodici anni. Penso abbia contato la domanda di una politica fondata su valori solidi, su visioni non effimere. Una serietà personale, anche.

Oppure: il gruppo regionale del PD ha presentato sabato scorso un argomentato report su un possibile Veneto ecologicamente sostenibile, con il contributo di ricerche universitarie, esperienze imprenditoriali e sociali, per un nuovo modo di produrre e consumare. Seria iniziativa.

Però: il PD veneto non si è mai posto seriamente questa domanda: dove sono andati a finire quei quasi 900.000 elettori che assicurarono al PD il 37,5% dei suffragi alle elezioni europee del 2014? Alle elezioni politiche del 2008 ne sono restati solo 477.000, poco più della metà. E come si mise a frutto quell’inaspettato capitale del 2014? Francamente in nessun modo, si pensava di aver vinto la lotteria invece era una provvisoria apertura di credito. Cui il PD veneto ha risposto stando fermo, senza lavoro politico, chiudendosi in sé stesso fino al paradosso che in una grande regione del nord il PD è rimasto per più di un anno senza segretario regionale, a conferma che nel PD renziano si pensava che Renzi da solo bastasse ed avanzasse. Gli elettori hanno tirato le somme e si sono rivolti altrove.

Zaia è elettoralmente molto forte, mettendo insieme pulsioni sovraniste e buon senso postdemocristiano, aspirazioni identitarie e consapevolezza che il Veneto vive di aperture. Però a ben guardare sono più le occasioni mancate che i risultati raggiunti. Tutta la retorica sul referendum per l’autonomia ha prodotto uno zero tondo. L’unico documento esistente resta l’accordo di principio a suo tempo sottoscritto con il governo Gentiloni. Poi il buio. Il sistema Emilia Romagna corre parecchio più veloce del Veneto, grazie anche a politiche industriali e del lavoro, di sostegno alla ricerca, di attrattività degli insediamenti messi in campo da quella Regione.

C’è perciò un altro Veneto che resta in attesa: che diffida ad esempio di chiusure sovraniste perché sa che in quella direzione ha tutto da perdere un territorio che produce la sua ricchezza in gran parte con l’export ed il turismo. Se vale il concetto “prima io” è chiaro che “prima gli USA” pesa molto di più di prima gli italiani e ci becchiamo i dazi. Che pensa che la sicurezza sia un valore, ma che non ci sia contrapposizione tra sicurezza di tutti i cittadini e riconoscimento della realtà di una società che non può che essere aperte ed inclusiva.

Questo Veneto è attualmente senza una vera rappresentanza. Ondeggia nelle scelte elettorali: dà qualche apertura di fiducia, oppure se ne sta a casa, oppure finisce per votare Zaia perché appare l’unica opzione sul mercato. L’eterno votare turandosi il naso, e poi il potere attrae.

Perciò cari amici del PD veneto: il campo da coltivare c’è. In politica si può vincere e si può perdere. Ciò che è imperdonabile è perdere senza dignità, senza seminare per il futuro. Chi non lavora non mangia, si diceva. Anche i voti non si regalano, senza lavoro non arrivano. Sta a voi dimostrare che Gigi Copiello è stato nella sua analisi troppo pessimista. Anche perché la questione non riguarda solo il Partito Democratico e neppure solo lo schieramento progressista. Riguarda più in generale il buon funzionamento della democrazia, la fiducia nella rappresentanza, la valorizzazione della società civile e perciò più in generale il futuro della comunità veneta

Paolo Giaretta

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • RSS
  • Google Plus
  • Pinterest
  • Add to favorites
  • Print
  • Email

Scrivi un commento